fbpx

Che cosa si intende con business information?

Il termine rimanda al mondo dei dati e al mercato che nel corso degli anni è sorto intorno a questo tema.

Nello specifico, si fa riferimento a tutte le informazioni di natura commerciale prodotte, distribuite e utilizzate dalle imprese per ragioni strategiche e operative.

Oggi in misura crescente, queste informazioni sono rese disponibili in formato digitale, in modo da poter essere archiviate e analizzate rapidamente e in grandi quantità.

Le tecnologie abilitanti: algoritmi e AI

I sistemi di Big Data analytics rendono tutto ciò possibile in tempi brevi e con minore sforzo. Se un tempo analizzare informazioni strategiche richiedeva mesi di lavoro, oggi è questione di poche ore. 

Inoltre, le nuove tecnologie presentano un grado di precisione sempre più elevato, permettendo di processare moli enormi d’informazioni con margini di errore molto bassi.

Il merito è principalmente dell’Intelligenza Artificiale: un’espressione ormai nota a tutti con cui si rimanda a un vasto insieme di applicazioni tecnologiche. Si tratta di soluzioni capaci di riprodurre funzioni di solito attribuite all’intelligenza umana: il riconoscimento di oggetti, l’estrazione di concetti a partire da testi digitalizzati, la formulazione di previsioni sulla base di fenomeni passati e molto altro.

Lo sviluppo di algoritmi utilizzati a fini come questi è oggi la regola in numerosi settori. 

Ecco solo alcuni dei numerosissimi esempi, raccolti a partire da diverse realtà:

  • Nel settore automobilistico, multinazionali del calibro di Volkswagen utilizzano modelli di previsione delle vendite basati sul machine learning. Audi ha iniziato a sviluppare sistemi di controllo qualità che utilizzano telecamere dotate di software per il riconoscimento delle immagini attraverso l’AI.
  • Le industrie chimiche ricorrono oggi all’Intelligenza Artificiale per monitorare gli impianti e ottenere dati di produzione affidabili, riducendo i rischi e aumentando l’efficienza.
  • Le aziende agroalimentari stanno sperimentando nuove soluzioni basate sull’agricoltura di precisione per ridurre l’uso di acqua, erbicidi, pesticidi e altri fattori di produzione grazie alla raccolta di dati aggiornati.

Quanto descritto finora è relativo all’attività di produzione delle aziende manifatturiere, del settore primario e dei servizi. L’uso delle business information riguarda invece la gestione processi commerciali attraverso le tecnologie appena descritte, in ogni settore.

Una necessità oggi sempre più attuale per rispondere a cambiamenti del mercato veloci e difficili da prevedere.

Quali sono le tipologie d’informazioni indispensabili a questo fine?

Business information: quantitative e qualitative

La differenza principale risiede nella natura dell’informazioni.

Rientrano tra quelle quantitative i dati di bilancio, i rating di affidabilità finanziaria, le informazioni sulla solidità creditizia, le previsioni di flusso di cassa e molte altre.

Si tratta per lo più d’informazioni oggetto di studio della contabilità, sia generale che analitica. 

Sono elaborate internamente dai dipartimenti finanziari delle aziende, ma spesso possono essere acquistate sul mercato. Sono infatti numerose le società specializzate in questo ambito che offrono studi di settore, scoring finanziari e report sull’andamento di imprese e istituzioni pubbliche.

Si tratta sicuramente di strumenti importanti per conoscere il proprio settore e le caratteristiche delle realtà che operano al suo interno.

Tuttavia, non dobbiamo scordare anche le informazioni qualitative

Soprattutto per le aziende B2B – quelle che rivolgono la propria offerta ad altre imprese – possono costituire una chiave di successo fondamentale.

Alcuni esempi concreti:

  • Le anagrafiche complete di potenziali distributori in nuovi mercati: un dato importante in fase di studio di nuove strategie, soprattutto quando si tratta di rendere internazionale il proprio business e di selezionare i giusti partner.
  • I contatti di fornitori in possesso delle certificazioni essenziali per il proprio prodotto: un requisito necessario per mantenere i propri standard qualitativi.
  • Una mappatura delle aree geografiche più adatte ai propri investimenti: le aziende che si affacciano per la prima volta sui mercati esteri potrebbero non conoscere quelli compatibili con i propri obiettivi.

I vantaggi: tempi ridotti e scelte sicure

Gli esempi precedenti aiutano a capire come le business information qualitative possano rivelarsi cruciali quando si tratta di prendere nuove scelte.

Il loro uso aiuta a orientarsi in territori sconosciuti come potrebbero essere quelli dei mercati stranieri.

Chi sono i miei potenziali clienti qui? Che distributori dovrei scegliere? Quali fornitori possono garantirmi le materie prime che cerco?

Tutti elementi con una natura qualitativa che vanno inseriti nel quadro di una strategia di marketing completa.

Le nuove tecnologie possono aiutare anche in questo caso, e Matchplat ne ha fatto il cuore della propria attività.

I processi analitici applicati alle informazioni commerciali consentono di rispondere ai quesiti precedenti in modo rapido, risparmiando ore di lavoro manuale e con la garanzia di un risultato preciso.

Un aiuto prezioso in un contesto competitivo dove è sempre più importante prendere scelte sicure in tempi certi.