fbpx

L’equity crowdfunding cresce in Italia senza sosta, in termini sia di offerte pubblicate con successo sia di capacità e cultura imprenditoriale, ormai sempre più a suo agio con questo strumento. Solo l’anno scorso sono stati raccolti ben 77 milioni di euro, con un tasso di riuscita del 75%.

Ma, siccome si può e si deve fare sempre meglio, Scai Comunicazione ha finanziato una ricerca scientifica per fare chiarezza sulle strategie di raccolta fondi. E il risultato non ci ha sorpreso: la chiave del successo di una campagna equity è la scientifica applicazione degli strumenti del digital marketing

LEGGI ANCHE – Il ruolo delle community in una campagna di equity crowdfunding

Come nasce la ricerca

Lo studio, recentissimo, è stato condotto da una ricercatrice dell’Università della Campania su un campione di 33 campagne italiane di equity crowdfunding, integrate con altre informazioni provenienti da più di 1000 operazioni. Scai Comunicazione, con il suo centinaio di campagne portate a termine, ha messo a disposizione il proprio know how, ma non è stata la sola: hanno collaborato alla ricerca anche alcune importanti piattaforme (Mamacrowd, Opstart, BacktoWork e 200crowd) e 23 società emittenti.

Lo studio è unico nel suo genere in Italia, essendo il primo tentativo di indagine analitica sull’equity crowdfunding e sulle ragioni di successo delle campagne: a livello esperenziale sapevamo dell’esistenza di rapporto diretto tra equity crowdfunding e marketing, ma mancavano ancora conferme empiriche. Mettere a sistema i dati consentirà a tutto il sistema, di imprese e di agenzie, di migliorare ancora di più il tasso di successo delle campagne italiane e di avvicinare un numero sempre maggiore di startup, pmi e investitori a questo prezioso strumento di finanziamento.

LEGGI ANCHE – Social media per il crowdfunding: quali utilizzare?

Il crowdfunding come potente media digitale

La ricerca ha confermato che con il crowdfunding non si raccolgono solo fondi: attraverso i social media e le piattaforme, che stimolano la diretta interazione con diverse categorie di stakeholders, l’impresa arriva a dotarsi anche di un importante capitale reputazionale e sociale.

Ben il 90% degli intervistati per la ricerca ha sottolineato come il piano di comunicazione, adottato per sollecitare gli investimenti, abbia portato anche a un rafforzamento della brand reputation e a una maggiore partecipazione degli investitori istituzionali. L’impiego di strumenti di digital marketing aiuta quindi non solo a portare a termine con successo la campagna, ma anche a ottenere visibilità e legittimazione, necessarie alla sopravvivenza dell’impresa nel post-campagna.

LEGGI ANCHE – Vuoi avviare una campagna di equity crowdfunding? Finanziala grazie al Fondo di Garanzia

Non pensare a quanto, focalizzati sul come 

Tendenzialmente siamo portati a pensare che spendere molto in comunicazione ci porterà automaticamente a dei risultati eccellenti. La ricerca invece ha confermato i nostri sospetti: l’importante non è quanto spendi ma come spendi! Il numero degli investitori è strettamente correlato al numero di utenti raggiunti, ma tramite advertising mirato. Più è curato il marketing, più il target della campagna risponde positivamente.

Tutto sta quindi nella scelta delle leve più adatte; e la ricerca finalmente ci aiuta a identificare in modo oggettivo gli strumenti e le strategie più efficaci per valorizzare budget e risultato. Non vogliamo spoilerare troppo i risultati, ma ecco qui qualche consiglio in anteprima per ottenere il massimo dal tuo budget, vasto o limitato che sia:

  • le visualizzazioni ai contenuti digitali pubblicati sono più efficaci nelle fasi iniziali della campagna: inutile quindi bombardare il nostro target quotidianamente, l’investimento principale in comunicazione dell’offerta deve concentrarsi soprattutto nel primo mese;
  • le interazioni sono importanti: la campagna Facebook, social media che più di tutti valorizza lo scambio, dà maggiori chance di successo e un più alto investimento medio;
  • il numero degli investitori e le somme investite sono positivamente influenzati dal numero di volte in cui un contenuto web è visualizzato da potenziali investitori: è fortemente consigliata quindi l’attivazione di inserzioni targettizzate;
  • fondamentale la creazione e la diffusione di contenuti video relativi all’offerta; per questo motivo, nel nostro piano Equity Boost Full Crowd mettiamo a disposizione anche una web tv dedicata.