fbpx

Investire sulle nuove tecnologie, ed in particolare sullo sviluppo di soluzioni che si basano sull’intelligenza artificiale, è una tendenza che negli ultimi anni sta prendendo piede in modo preponderante.

Qualche dato interessante

A livello mondiale sono stati investiti 1,2 miliardi di dollari per 258 nuove imprese nate per progettare sistemi intelligenti, utili a risolvere e automatizzare determinate situazioni in diversi settori: dalla salute al marketing, dall’ICT alla sicurezza, fino al turismo.

In Italia le start-up dedicate allo sviluppo di algoritmi intelligenti sono ancora poche, ma in crescita, perché, anche nel nostro il Paese, si sta cercando di rimanere al passo con l’innovazione. L’indagine condotta da Il Sole 24 Ore conferma questa tendenza, facendo emergere una fotografia interessante del panorama italiano: otto investitori su dieci (circa l’80%) sostengono come quello attuale sia il momento migliore per investire sull’AI. Da un lato perché è un settore che non ha ancora raggiunto a pieno la propria espansione, dall’altro è stata presa consapevolezza di come l’AI trasformerà in misura significativa le industrie, i servizi, il lavoro ed i consumi.

Aimage la Startup digitale da oltre 500.000€

Una delle start-up che ha beneficiato dell’onda di investimenti dedicati al settore digitale, raccogliendo oltre 500.000€ su MamaCrowd, è Aimage: azienda del gruppo Across che sviluppa soluzioni digitali ad alto valore tecnologico utilizzando una piattaforma proprietaria basata su intelligenza artificiale.

Il core business della start-up torinese è la creazione di chatbot che ottimizzino il servizio di customer care trasformandolo in reale valore aggiunto per gli utenti e per le aziende. L’assistente virtuale di Aimage si applica a diversi canali e viene utilizzato anche per il servizio di prenotazione online e per la lead generation.

È importante notare come il chatbot di Aimage sia il primo in Italia a lavorare in sinergia con un operatore umano. Grazie a questa soluzione innovativa, saranno le aziende a decidere quando attivare il proprio assistente virtuale: ad esempio in orari non lavorativi, in assenza di operatori disponibili o ancora decidendo di affidargli le risposte alle domande più semplici e frequenti.

Una stessa conversazione potrà quindi essere gestita in un primo momento da un assistente virtuale, per poi essere lavorata dall’operatore umano: il chatbot gestirà l’assistenza di “primo livello” per la quale dispone già di una risposta, per poi inoltrare all’operatore umano la richiesta specifica. In questo modo viene garantita all’utente una continuità di servizio evitando lunghi tempi di attesa. Un assistente virtuale è infatti operativo 24 ore al giorno e 7 giorni su 7, fornendo risposte immediate e gestendo contemporaneamente un numero illimitato di richieste.

“Il nostro team di programmatori crea chatbot che, per mezzo del conversational marketing, raggiungono il target di riferimento e, attraverso una comunicazione più umana, lo trasformano in prospect, fornendo anche alle aziende una grande quantità di dati sul comportamento degli utenti.
Da quando è stata caricata online, la Campagna di crowdfunding, ha ricevuto feedback molto positivi e questo ci conferma quanto stia crescendo la consapevolezza attorno ai temi dell’innovazione e dell’intelligenza artificiale” commenta Giovanni Bennato, Ceo di Aimage.

Come l’AI ottimizza il business aziendale?

L’intelligenza artificiale può essere utilizzata per ottimizzare diverse attività, una delle applicazioni di maggior successo è il Chatbot: un sistema virtuale di messaggistica istantanea in grado di rispondere in tempo reale alle domande degli utenti, avvalendosi della comprensione di parole chiave e informazioni preimpostate.

Il team di Aimage ci racconta i vantaggi che le aziende otterrebbero inserendo il Chatbot nella propria strategia di business:

Customer Care

Gli utenti vogliono risposte immediate e dettagliate, allo stesso tempo gli operatori dell’assistenza clienti devono gestire un numero sempre crescente di domande specifiche. Come fare quindi, lato azienda, ad ottimizzare i costi, i tempi di attesa e la gestione delle richieste?

La risposta digitale è integrare il customer care con l’intelligenza artificiale, rispondendo alla necessità di automatizzare il processo di risposta alle domande più frequenti e offrendo un supporto concreto agli operatori.

Lead Generation

Oggi l’attività di Lead Generation è al centro della gestione commerciale di ogni azienda. Il Chatbot si inserisce a pieno nelle strategie di Web Marketing, diventando uno strumento per acquisire nuovi prospect.

Il bot infatti, dotato di un’interfaccia altamente user friendly, mette subito a proprio agio l’utente, che viene stimolato a seguire il flusso di compilazione in maniera naturale. In questo modo, si ottengono contatti altamente interessati e profilati in base alle esigenze particolari di ogni business.

E-Commerce

Il Chatbot è in grado di garantire agli utenti una vera e propria “guida all’acquisto”, ottimizzando la User Experience del sito web. In particolare l’utente potrà:

  • Ricevere le informazioni sul prodotto che gli interessa direttamente sulla chat dell’e-commerce.
  • Acquistare i prodotti dalla chat.
  • Ricevere offerte personalizzate in linea con i loro interessi durante l’utilizzo della chat.

Booking

Per rendere la prenotazione online più semplice ed immediata, una live chat può essere l’asso nella manica da utilizzare. Per mezzo dell’AI è infatti possibile creare un chatbot che risponda contemporaneamente a tutte le richieste degli utenti e procedere autonomamente con la prenotazione online dei servizi. In questo modo si massimizza la conversione, sfruttando anche le dinamiche dell’acquisto d’impulso.

Intelligenza Artificiale e Chatbot, in conclusione…

Le tendenze e i dati di mercato dimostrano come, se opportunamente inserite all’interno della propria strategia di marketing, le soluzioni di intelligenza Artificiale, e nello specifico i Chatbot, permettano di:

  • AUTOMATIZZARE la gestione del customer service
  • OTTIMIZZARE le campagne di lead generation
  • VELOCIZZARE lo smistamento delle richieste
  • RIDURRE I TEMPI ED I COSTI di gestione

 

Intelligenza Artificiale e Chatbot: tra investimenti e casi di successo

In questo modo gli utenti saranno più soddisfatti ed agevolati nella richiesta di informazioni e consigliati nella scelta dei prodotti.

In ultimo l’obiettivo finale è dunque quello di migliorare l’incontro tra aziende e consumatori con prodotti tecnologici orientati al migliorare l’esperienza online degli utenti e aumentare le performance.