Se lavori nel campo dell’e-commerce, probabilmente hai già incontrato il termine Crawl Budget. Si tratta del numero di pagine che Googlebot scansiona e indicizza di un sito web in un determinato periodo di tempo.

Quando esaurisci il budget, il web crawler smetterà di accedere ai contenuti e alle pagine del tuo sito e passerà ad altri siti web: questo potrebbe intralciare i tuoi sforzi SEO. 

Ottimizzare il budget di scansione è dunque un processo importante: garantisce infatti che le giuste pagine dei nostri siti web finiscano nelle prime pagine di Google e vengano mostrate più spesso agli utenti che effettuano delle ricerche.

Leggi anche: CANNIBALIZZAZIONE DELLE PAROLE CHIAVE: COS’È E COME EVITARLA

Quali sono i fattori utilizzati per allocare il budget di scansione?

Per ogni sito web i budget di scansione sono diversi e vengono stabiliti da Google.

In generale, questi sono determinati dalle dimensioni del sito web, dallo stato di salute (individuato in base agli errori riscontrati) e dal numero di link diretti al sito. 

Dove trovare il Crawl Budget

Se vuoi vedere lo stato del tuo budget di scansione, ti basta andare su Google Search Console. Dopo aver scelto il sito, vai su Scansione e successivamente su Statistiche scansione. Lì vedrai il numero o le pagine che Google scansiona ogni giorno.

Perché è importante per la SEO?

Se Google non indicizza una pagina, questa non si classificherà sul motore di ricerca. Quindi, se il tuo numero di pagine supera il budget di scansione del tuo sito, avrai delle sezioni che non sono state indicizzate.

Se da una parte la stragrande maggioranza dei siti web non ha bisogno di preoccuparsi del crawl budget, dall’altra esistono dei casi particolari. Vediamoli di seguito. 

  • Gestisci un sito di grandi dimensioni: se hai un sito web (ad esempio un e-commerce) con più di 10.000 pagine, Google può avere difficoltà a trovarle tutte.
  • Hai appena aggiunto un numero elevato di pagine: se di recente hai aggiunto una nuova sezione al tuo sito con centinaia di pagine, assicurati che il crawl budget riesca ad indicizzarle tutte rapidamente.
  • Sono presenti molti reindirizzamenti: le catene di redirect consumano il tuo budget di scansione.

Leggi anche: CORE WEB VITALS DI GOOGLE: COSA SONO E COME IMPLEMENTARLI

Le migliori pratiche per migliorare il crawl budget

Ecco alcuni semplici trucchi per massimizzare il budget di scansione del tuo sito.

Migliora la velocità

Il miglioramento della velocità della pagina del tuo sito può portare Googlebot ad eseguire la scansione di più URL del tuo sito. Google stesso afferma che rendere un sito più veloce migliora l’esperienza degli utenti e allo stesso tempo aumenta la velocità di scansione.

Un caricamento più rapido comporta dunque meno tempo per indicizzare altre pagine.

Usa collegamenti interni

Google dà la priorità alle pagine che hanno molti link esterni e, soprattutto, interni che puntano ad esse. Questi ultimi inviano Googlebot a tutte le pagine che desideri indicizzare.

Alberatura del sito web piatta

Su internet, gli URL più popolari tendono a essere scansionati più spesso per poterli mantenere più aggiornati possibile. Un’architettura piatta fa in modo che tutte le pagine del tuo sito abbiano una link authority che scorre verso di esse.

Evita le pagine orfane

Si tratta di pagine che non hanno collegamenti interni o esterni che puntano ad esse. Google ha davvero difficoltà a trovare questa tipologia di pagine. Quindi, se vuoi ottenere il massimo dal tuo budget di scansione, assicurati che ci sia almeno un link interno o esterno che punta a ogni pagina del tuo sito.

Limita i contenuti duplicati e di bassa qualità

A quanto pare, i contenuti duplicati possono danneggiare il tuo budget di scansione. Se Google rileva la duplicazione, può essere un grosso problema e può ridurre il crawl budget, in quanto non fornisce valore agli utenti. Assicurati che il 100% delle pagine del tuo sito sia invece costituito da contenuti unici e di qualità.

Dai la priorità a determinate pagine  

Se il tuo sito è grande, probabilmente utilizzerai Google Analytics. Qui puoi filtrare le pagine che hanno ricevuto un traffico maggiore. Le pagine che generano clic ed entrate dovrebbero essere facilmente accessibili per i crawler.

Ottimizza le tue pagine 

Tieni presente che devi ottimizzare tutte le pagine per qualsiasi utente Google che visita il tuo sito. Mantienilo semplice e pulito, usa correttamente H1, H2, H3 e investi il tempo necessario nell’ottimizzazione dei motori di ricerca.

HAI TROVATO QUESTO ARTICOLO INTERESSANTE?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

 
 
Iscrivendoti alla nostra newsletter dichiari di aver letto, compreso ed accettato la nostra privacy policy.
 
Puoi cancellarti o cambiare le tue preferenze in qualsiasi momento cliccando sugli appositi link nel footer delle nostre e-mail o scrivendo a info@scaicomunicazione.com