Nel marketing, si sa, tutto corre molto velocemente. Talmente velocemente che spesso non si ha il tempo di assimilare la tendenza del momento che già un nuovo trend è pronto a prendersi il podio.

Fino a qualche tempo fa il re era il video. Ed è ancora così. Tutto ciò che è visuale (ce lo ha insegnato Instagram, ce lo insegna oggi Tik Tok) è molto apprezzato dagli utenti e ha la grande capacità di catturare le impression come nessun altro contenuto sa fare. Ma il video non è tutto. 

Da qualche tempo è arrivato il podcast a far chiacchierare il mondo del marketing. Il video non avrà trovato un suo sostituto, ma ha forse già un degno competitor. Scopriamo insieme il potere dei podcast e capiamo perché vale davvero puntare su questo nuovo trend pare funzionare.

Cos’è il podcast e come funziona

Alexa e Google Assistant, e prima ancora Siri, ci hanno viziato con la loro prontezza nella risposta e ci hanno insegnato che oggi, nel marketing, non vale solo la regola del mobile first, ma anche quella del voice first. Ne abbiamo parlato anche nel nostro articolo sui trend e le previsioni di digital marketing per il 2022.

Ecco che in questo contesto emerge il trend del podcast, sfruttato ancora da pochi e per questo un ottimo strumento da inserire nelle proprie strategie di marketing. Su Spotify esistono delle rubriche, i podcast appunto, dedicati agli argomenti più disparati, dal cinema alla medicina, dalla tecnologia al benessere. I podcast agli utenti piacciono, e non è difficile capire perché. In un mondo che corre veloce, e noi con lui, il podcast ci permette di ascoltare qualcosa che ci interessa anche mentre stiamo facendo altro, aiutandoci ad ottimizzare le nostre giornate e la nostra quotidianità.

Il podcasting come strumento di marketing

Anche se è ancora in fase di sperimentazione e non sono ancora chiare a tutti le sue enormi potenzialità, il podcast può essere un interessante strumento di marketing. Così come i lead magnet, i white paper e gli e-book scaricabili che consentono di fare lead acquisition, i podcast possono essere usati dai brand nella fase di consideration del funnel marketing, ovvero nella fase in cui l’azienda vuole costruire un legame con il suo pubblico target.

La prima ragione per la quale il podcast sembra essere l’alternativa giusta alle strategie di marketing e ai contenuti già consolidati, è sicuramente la sua funzione legata all’intrattenimento.

podcasting

Già diversi anni fa la Apple aveva dedicato una sezione di iTunes agli e-book, i libri digitali. Dopo la Apple, anche Spreaker e Anchor hanno iniziato a stare al passo con la novità.

Ma il maggior punto di forza del podcasting è sicuramente lo storytelling, ovvero il saper raccontare qualcosa per fini commerciali, veicolare un messaggio di vendita attraverso una storia. Il podcast ha infatti la caratteristica di coinvolgere per tutta la sua durata e di conservare il messaggio d’acquisto per il finale.

In quanto strumento utile al brand placement, il podcasting permette di fare brand awareness in modo abbastanza economico, con il solo ausilio di un microfono, una scheda audio e un software di audio recording.

Per la diffusione, poi, esistono semplici piattaforme specifiche o il più famoso YouTube, sul quale è anche possibile ottimizzare il contenuto audio per la SEO, includendo descrizione, keyword e una cover per la parte visual.

LEGGI ANCHE: Perché affidarsi a un’agenzia di comunicazione per il digital marketing

Come fare podcast marketing per la tua attività

Se produrre un podcast è semplice, la parte più complicata, indovinate, è la sua promozione. Alcune aziende che hanno visto lontano, stanno già includendo i podcast nei loro piani di marketing e tanti altri stanno già investendo sui contenuti audio.

Anche i contenuti audio, infatti, possono essere ottimizzati per le ricerche vocali, sempre più frequenti tra gli utenti che navigano da smartphone. 

Così cambia la SEO e si adatta alla nuova direzione intrapresa dal marketing. Ma cosa serve per fare podcast marketing e per farlo bene?

Ecco alcuni punti utili da tenere in considerazione:

  • Individua un format originale. Quello che conta è il contenuto, forse prima ancora del mezzo. Quindi verifica se esistono già podcast simili a quello che hai in mente;
  • Parla sempre e solo di ciò che conosci bene, parla di argomenti relativi al tuo settore;
  • Cerca sempre di fare qualcosa di diverso e focalizzati su piccole nicchie;
  • Prepara un piano editoriale che ti permetta di avere sotto controllo ogni step della tua strategia.

Poiché si tratta di una tecnologia applicata al marketing ancora in via di sviluppo, è utile darsi un arco di tempo di minimo 6 mesi prima di tirare le somme e decidere se, a conti fatti, lo strumento vocale ha portato o meno vantaggi al tuo business.

Vuoi capire come inserire nuovi strumenti innovativi nella tua strategia di marketing? Sei nel posto giusto, scrivici!