In un periodo in cui lo smart working la fa da padrone, LinkedIn continua a dimostrarsi uno strumento molto potente, anche se non tutti lo apprezzano e molti lo ritengono addirittura noioso. Oggi, grazie ad alcuni pratici suggerimenti, cerchiamo di capire come renderlo un alleato potente per imprenditori e manager.

Perché LinkedIn

LinkedIn è il social network dedicato al mondo del lavoro che quest’anno compie 20 anni. La pandemia l’ha reso ancora più importante e determinante per aziende, professionisti, manager e imprenditori, e se ben utilizzato può rivelarsi uno strumento davvero utile. 

Come si è evoluto LinkedIn

All’inizio LinkedIn offriva i suoi servizi gratuitamente, in cambio dei dati degli utenti. Dopo averne raccolti abbastanza, ha iniziato a cercare di monetizzare, offrendo servizi a pagamento come LinkedIn Premium. Dal punto di vista della funzionalità ha cercato invece di adattarsi al mercato, provando ad offrire strumenti che anche gli altri social offrono. Prima la chat, più recentemente i messaggi vocali, poi le storie per incentivare gli utenti a rimanere all’interno della piattaforma e a non scegliere un altro strumento per la comunicazione diretta.

Leggi anche: LINKEDIN: VIA AGLI EVENTI VIRTUALI E INTERATTIVI CON AUDIO ROOMS

Perché un imprenditore deve usare LinkedIn? 

Linkedin è perfetto per il settore B2B perché permette alle aziende di trovare i contatti di cui hanno bisogno e con cui confrontarsi, senza filtri e in modo completamente gratuito: sono infatti oltre 500 milioni gli utenti registrati sulla piattaforma. Bisogna però concentrarsi sui contenuti, guardare allo strumento con interesse e dedicargli il tempo necessario per renderlo una risorsa indispensabile: per l’ampliamento del proprio network, la costruzione della brand awareness e la crescita del proprio business. 

Quali sono le parti fondamentali di un profilo?

Pe rendere più credibile e autorevole il proprio profilo bisogna perciò curare bene:

  • Foto
  • Titolo
  • Riepilogo
  • Esperienze lavorative
  • Pubblicazioni
  • Riconoscimenti 
  • Competenze
  • Conferme
  • Referenze

Inoltre bisogna saper usare il motore di ricerca per scovare i profili delle persone con cui vogliamo entrare in contatto e, infine, utilizzare messaggi diretti, InMail, post, commenti e gruppi: tutti strumenti utili per interagire con gli altri. 

Come entrare in contatto con chi ci interessa

Potrebbe essere utile effettuare una ricerca e poi stabilire un contatto diretto con chi ci ha colpito. Anche telefonico, magari sfruttando altre piattaforme social per capire di più sul profilo che ci interessa. Una risorsa utile per sfruttare LinkedIn al meglio sono sicuramente i gruppi: ce ne sono di storici e di nuovi, ricchi di consigli utili e professionisti interessanti da scoprire.

Leggi anche: 5 CONSIGLI PER TROVARE CLIENTI B2B UTILIZZANDO LINKEDIN

Cosa dovrebbe fare un imprenditore per sfruttare LinkedIn

Potrebbe dedicare ogni giorno almeno 15 minuti del suo tempo a LinkedIn, cercando di interagire con i contatti di suo interesse e lavorando alla sua base di contatti. Dovrebbe inoltre avere ben chiaro cosa vuole vendere e come, evitando di fare spam alla lista dei propri contatti con lo stesso messaggio, ma cercando di capire quando è il momento giusto per lanciare un determinato messaggio e perché.

I consigli per utilizzare Linkedin al meglio

  • Ottimizzare il proprio profilo, concentrandosi su titolo e riepilogo che sono le sezioni che attirano subito l’attenzione.
  • Creare una rete di contatti partendo da quelli mail e aggiungendoli con un file CSV può essere una buona base di partenza.
  • Condividere e creare contenuti interessanti, perché LinkedIn preferisce contenuti nativi e pubblicati direttamente sulla piattaforma rispetto ai link esterni.
  • Fare networking, cioè interagire con le persone interessanti con commenti ai loro post o messaggi privati.

Sei un imprenditore, un manager, un professionista?

Cerchi un supporto operativo e/o strategico per gestire il tuo profilo Linkedin?