L’usato come stile di vita. Si potrebbe sintetizzare così la tendenza che vede protagonista la generazione Z come maggior utilizzatrice di merce usata. Attenzione, non si parla di vintage, ma proprio di una visione della vita che mette al centro il riutilizzo di prodotti di seconda mano con lo scopo di risparmiare e salvare il mondo.

Entriamo nel vivo di un’analisi condotta sulla generazione Z e sulle loro preferenze di acquisto, che vedono il second hand market al primo posto. Sarà anche per effetto di questa tendenza che sono nate numerose app di scambio e vendita di usato?

Leggi anche – BUY NOW PAY LATER, IL NUOVO METODO DI PAGAMENTO ONLINE DELLA GEN Z

Dal vintage al second hand, la nuova vita dell’usato

Prima di tutto è doveroso fare una distinzione tra vintage e second hand. Gli appassionati di vintage potrebbero risentirsi, quindi è necessario specificare che un oggetto è vintage se ha più di 20 anni. In caso contrario si parla di second hand, quindi semplicemente un oggetto o capo di seconda mano. 

In questo caso il nostro interesse non verte su pezzi vintage da collezionare, ma sul mercato dell’usato che sta vivendo una nuova linfa proprio grazie alla generazione Z che da alcuni dati risulta essere la maggior sostenitrice del second hand market. 

Da una ricerca condotta da BVA Doxa il 70% degli italiano ha scelto di comprare o vendere usato nel periodo del Covid, un mercato che vale oltre 20 milioni di euro solo in Italia. Se per parte degli italiani era già consuetudine acquistare usato, e parliamo di quasi il 40% degli italiani, nel periodo del Covid c’è stata una grande crescita, complice la possibilità di risparmiare e rivedere le priorità della vita. 

Second Hand, dalla moda alla casa: i settori più gettonati

La moda è sempre stata oggetto di culto per l’usato, sicuramente più per i capi vintage ma il mercato della moda di seconda mano permette soprattutto ai più giovani di poter creare numerosi outfit, di tendenza e soprattutto a costi accessibili da poter usare sui social. 

Capi di abbigliamento, dunque, ma anche accessori come borse e bijoux, e non solo. Infatti tra i prodotti che maggiormente vengono comprati e venduti in Italia si possono individuare i prodotti per la casa (oltre il 65%), attrezzature per sport e hobby per oltre il 60% e prodotti del settore elettronico per oltre il 50%.

Come la Gen Z ha fatto crescere il Second Hand market

La generazione che più di altre prende ispirazione dalle mode del passato è la generazione Z. Non stupisce, dunque, che siano proprio loro i maggiori appassionati di usato, sempre presenti in mercatini dedicati, negozi specializzati in usato e grandi utilizzatori di app dedicate al second hand. Inoltre questa generazione si caratterizza per la voglia di unicità, non vogliono essere conformi, cercano la loro identità nell’unicità dei prodotti, che in quelli di seconda mano, acquista ancora più valore. 

Attenzione però, non si tratta solo di seguire una moda, ma di una percezione ben definita dei valori che viene espressa da questa generazione. 

Acquistare prodotti di seconda mano è anche una chiara presa di posizione nei confronti del fast fashion, la volontà di esplicitare la necessità di una maggiore attenzione verso i cambiamenti climatici e la propensione al riciclo. La riduzione degli sprechi e la necessità di vivere in modo più sostenibile lanciando un messaggio chiaro, attraverso il potere di mercato. Non è un caso infatti, che la Gen Z è quella che più delle altre investe in prodotti sostenibili anche pagando di più.

Leggi anche – MILLENNIALS, GEN Z E PANDEMIA: QUALE FUTURO SI ASPETTANO?

Le app più usate nel second hand market

Abbiamo detto che la Gen Z ama il second hand, ma è anche la generazione che più di tutte le altre utilizza i social e le app per fare shopping. 

I portali e applicazioni che si offrono come piattaforma di scambio non mancano, ne abbiamo individuate alcune tra le più utilizzate e pubblicizzate. Particolarmente amata per la vendita di vestiti e accessori moda second hand l’app Vinted si sta facendo strada per le condizioni di utilizzo e nessun costo di commissione per chi vende.

Subito.it, invece, allarga la vendita non solo ai vestiti ma a qualsiasi oggetto di seconda mano dalla tecnologia alle auto, dalle case all’arredamento.

eBay è probabilmente il più noto sito di compravendita online di usato ma si possono trovare altre app come Depop, Vestiaire, Poshmark, Rebag, The RealReal. C’è solo l’imbarazzo della scelta! 

Per chi vuole provare, basterà creare un account, caricare le foto del prodotto da vendere, una descrizione e poi aspettare il miglior acquirente. 

HAI TROVATO QUESTO ARTICOLO INTERESSANTE?

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

 
 
Iscrivendoti alla nostra newsletter dichiari di aver letto, compreso ed accettato la nostra privacy policy.
 
Puoi cancellarti o cambiare le tue preferenze in qualsiasi momento cliccando sugli appositi link nel footer delle nostre e-mail o scrivendo a info@scaicomunicazione.com