fbpx

La pubblicità sul digitale viaggia a velocità supersoniche. Il trend dell’ultimo momento è sicuramente Spotify, la piattaforma di musica in streaming più popolare al mondo che, complice l’esplosione dei podcast, sta diventando il canale di riferimento anche per la pubblicità di brand e aziende.

In questo articolo scopriamo insieme perché è arrivato il momento di prendere in considerazione Spotify per farsi pubblicità e quali sono i vantaggi di pianificare una campagna di advertising sulla piattaforma. 

LEGGI ANCHE – Advertainment: come l’intrattenimento promuove il brand

Perché fare pubblicità su Spotify 

Le ragioni per integrare Spotify nella propria strategia di marketing e promuovere il proprio brand sulla piattaforma sono davvero tante. Iniziamo, come sempre, dai numeri.

I risultati del 2021

Spotify conta oggi 356 milioni di utenti attivi mensili e 158 milioni di abbonati sparsi in 178 paesi del mondo. Nel 2021, dopo un 2020 già positivo, ha confermato il suo trend di crescita aumentando pubblico e ricavi pubblicitari.

Quest’anno il servizio è stato lanciato in 86 nuovi mercati e ha raggiunto il 24% in più di utenti freemium e il 21% in più di abbonati. Per quanto riguarda la pubblicità, invece, le entrate sono schizzate del 110% (275 milioni di euro) solo nel secondo trimestre, registrando un vero e proprio boom per la raccolta adv sui podcast (+627%).

Solo questi numeri basterebbero a convincere anche i più scettici dell’enorme opportunità offerta dalla piattaforma, ma andiamo avanti per parlare del vero vantaggio di Spotify, ovvero le sue funzionalità di targeting.

Spotify Ad Studio e la Streaming Intelligence

Complice la spinta del lockdown nell’annus horribilis della pandemia, il 2021 è stato già consacrato come l’anno dei podcast. Ma podcast a parte, è la straordinaria potenza dell’audio – non dimentichiamoci la musica – a confermare non solo la maggiore propensione degli utenti all’ascolto ma soprattutto il grandissimo impatto dell’audio sulle intenzioni di acquisto del pubblico.

Secondo Nielsen Media Lab gli annunci audio hanno il doppio della probabilità di aumentare l’intenzione di acquisto rispetto ai classici annunci Display.

Ecco perché vogliamo parlare di Spotify Ad Studio, la piattaforma per la creazione di campagne pubblicitarie che permette di creare annunci altamente performanti servendosi dell’intelligenza artificiale.

Le potenzialità offerte dalla Streaming Intelligence di Spotify permettono infatti di individuare il pubblico ideale per qualunque tipologia di brand o azienda grazie all’analisi accurata dei dati di ascolto: abitudini, gusti, stati d’animo e preferenze musicali sono indicatori aggiuntivi che superano i tradizionali parametri di età, provenienza geografica e sesso per targettizzare in modo davvero preciso e accurato il proprio pubblico in target. 

LEGGI ANCHE – Il potere dei podcast: perché puntare su un trend che funziona

Quali formati pubblicitari offre Spotify

La gamma di formati pubblicitari disponibili su Spotify Ad Studio per brand e aziende comprende annunci audio, annunci video, annunci display e sponsored playlist. Vediamoli nel dettaglio.

1. Annunci audio 

Gli annunci audio su Spotify sono trasmessi tra un brano e l’altro durante le sessioni di ascolto attive degli utenti freemium. La pubblicità dura al massimo 30 secondi ed è accompagnata da un banner display cliccabile.

2. Annunci Video

Gli annunci video su Spotify offrono due opzioni: sponsored session e video takeover. Con la sponsored session, al termine della visione del video sponsorizzato, il brand o l’azienda offrono agli utenti freemium una sessione di ascolto senza interruzioni pubblicitarie di 30 minuti. Con il video takeover, invece, l’annuncio si posiziona tra due brani quando la navigazione sull’app è attiva. 

3. Annunci Display

Anche per gli annunci display Spotify mette a disposizione di brand e aziende diverse opzioni per farsi pubblicità sulla piattaforma: 

  • Overlay: è un banner cliccabile che viene mostrato all’utente quando rientra nell’app
  • Homepage Takeover: è un banner interattivo e visibile per 24 ore solo sulla homepage desktop dell’app 
  • Leaderboard: è un annuncio video di 30 secondi visibile solo se Spotify è in primo piano sul desktop

4. Annunci Sponsored Playlist

Sono gli annunci con cui Spotify permette ad aziende e brand di associare il proprio nome alle playlist più ascoltate.

LEGGI ANCHE – Digital marketing: i trend per il 2021

Conclusioni 

Da piattaforma nata per l’ascolto di sola musica, oggi Spotify è diventata davvero uno strumento di marketing innovativo e irrinunciabile per aumentare la brand awareness (e non solo) di un brand verso il suo pubblico ideale. Allora perché non cogliere questa grande occasione insieme a noi?