Già nei primi mesi del 2022 abbiamo visto come il concetto di usabilità sia centrale nel web e di conseguenza il design viene trainato dalla necessità di uno stile leggero che faccia vivere un’esperienza di navigazione quanto più piacevole per l’utente. 

Abbiamo individuato dei dettagli che diventeranno dei trend nel corso dell’anno e che sicuramente sarà facile riconoscere in molti contenuti online. Vediamoli nel dettaglio.

Leggi anche – TREND PACKAGING 2022, TRA SOSTENIBILITÀ E ALTA TECNOLOGIA

I 5 trend del web e design da non perdere

Abbiamo selezionato 5 elementi che saranno di tendenza nel 2022 nel web e design, ma sicuramente nel corso dell’anno dovremo integrare il nostro micro elenco. A partire dalla scelta dei caratteri tipografici, quali e quanti, passando alla conseguente riduzione delle immagini. Una strizzata d’occhio allo stile vintage, ma anche una grande attenzione agli effetti 3d.

Indaghiamo le tendenze una per una

1. Il testo protagonista, a spese delle immagini

Una delle tendenze più interessanti sono i siti senza immagini, dove i testi la fanno da padrone. Grandi testi occupano lo spazio principale del sito e diventa determinante la scelta del font tipografico, che assume a questo punto un ruolo determinante anche nell’aspetto puramente estetico. 

A rendere i testi protagonisti, dunque, non solo il contenuto che resta sicuramente centrale nella comunicazione, ma una font accattivante, giochi di animazioni ed elementi interattivi. Ma attenzione, per animazione e colore bisogna avere un tocco delicato perché non si deve mai perdere il focus sull’esperienza dell’utente che non deve essere stressante. 

A proposito di font, anche qui vengono individuate le font più in tendenza per il 2022. Si tratta delle font Serif. Con la loro eleganza hanno un dichiarato intento vintage e riempiono lo spazio con le forme e decorazioni. I designer più creativi riusciranno a sfruttare al massimo le caratteristiche di questo gruppo di font per realizzare dei progetti spettacolari. 

2. L’estetica vintage, dallo stile retrò agli anni ‘90

Il ritorno ad un design vintage non è una novità del 2022 ma è sicuramente una tendenza che si consolida negli ultimi anni e sta trovando sempre più spazio soprattutto in termini di colori e stile. 

In particolare, l’ispirazione che più di altri ci interessa sottolineare riguarda gli anni ‘80 con i colori e le forme che rimandano al Memphis design, una vera e propria rivoluzione del colore e delle forme, accostando elementi contemporanei a dettagli kitsch e forme geometriche, tutto su basi di colori vivaci. Se lo stile vi interessa, suggeriamo un approfondimento proprio alla radice del Memphis design riconducibile al collettivo italiano di designer che fu il rappresentante di questo stile fino alle fine degli anni ‘80.

Anche gli anni ‘90 con le font robotiche e gli sfondi luminosi trova spazio in questo revival del design della fine del secolo scorso. 

3. Le griglie, come mandare in tendenza le cornici

Separare gli spazi con griglie e cornici è sicuramente un aiuto nella navigazione degli utenti. Rende semplice l’individuazione dei contenuti, semplifica l’esperienza di navigazione senza stressare l’utente con animazioni o colori troppo invadenti.  

Le soluzioni grafiche lineari e pulite rientrano nelle tendenze del web design 2022, quindi sarà da tenere in considerazione una struttura di un sito con delle linework ben strutturate.

Leggi anche – WEB DESIGN PERSUASIVO: 5 PRINCIPI BASE

4. Non perdere il focus sul Material Design

Perché non perdere il focus? Perché di fatto il Material Design non è niente di nuovo, anzi, parliamo di uno stile proposto da Google nel 2014 e che ancora oggi ha degli elementi che devono essere considerati di tendenza nel design dei siti web.

Le caratteristiche principali di questo stile che restano sulla cresta dell’onda sono sicuramente la presenza di griglie strutturate (e torniamo al punto 3 del nostro elenco) e sugli effetti di profondità.

Il principio davvero interessante di questo stile è legato alla profondità della superficie e la possibilità di avere degli elementi intelligenti che cambiano interagendo con l’utente. Questi dettagli mutano semplicemente con giochi di luce e ombra, ma forniscono all’utente informazioni utili su cosa è interattivo e cosa non lo è. Concetto apparentemente semplice ma determinante per garantire la migliore esperienza di usabilità del sito. 

5. L’evoluzione del 3D

Abbiamo fatto un viaggio nelle tendenze del design, siamo partiti dalla scelte di font a discapito delle immagini fino alle ispirazioni legate al design degli anni ‘80 e ‘90, fino ad arrivare alle soluzioni più lineari e pulite di griglie ed elementi grafici intuitivi per l’utente. Non poteva mancare l’ultima tappa delle tendenze, quella legata al 3D e in particolare al claymorphism.

Si tratta, volendo provare a semplificare il concetto, dell’utilizzo di elementi tridimensionali caratterizzati da forme e colori, meglio se sui toni del pastello, che aiutano a migliorare la resa tridimensionale ma anche l’accessibilità dei contenuti. Le forme migliori sono arrotondate con ombre interna ed esterna. 

Questo elemento rientra a pieno titolo non solo nelle tendenze del web design del 2022 ma anche nelle tendenze della user experience.